In evidenza

Riservato ai Soci Anta: foglio di calcolo economico secondo UNI EN 15459 disponibile nell'area riservata ai soci.


Lo stato della contabilizzazione: una sintesi semplice per tutti in prima pagina del sito


Operatori esperti ed informazioni per il pubblico: due nuove aree del sito ANTA a disposizione dei soci e del pubblico 



Il decreto RES: è ancora li col suo allegato III.

Il rischio è che venga istituzionalizzato nel modello di relazione tecnica da allegare al progetto.



 Quaderni ANTA

11/05/2011 - Disponibile nella sezione riservata ai soci il quaderno sulle valvole termostatiche. 

02/07/2011 - Inserito nella sezione riservata ai soci il quaderno sul calcolo della prestazione energetica degli impianti di riscaldamento e produzione di acqua calda sanitaria. 


 L'opinione dell'ANTA

Vuoi sapere cosa pensa l'ANTA di alcuni argomenti di attualità?

VAI 

La contabilizzazione del calore

Che cos’è la contabilizzazione individuale dei consumi

La contabilizzazione individuale dei consumi è la misura del servizio prelevato da ciascun utente. Nel caso del riscaldamento sarà il calore erogato dai radiatori, nel caso dell’acqua calda sanitaria sarà il volume di acqua calda prelevato ai rubinetti e così via.

Per approfondimenti sulla contabilizzazione individuale dei consumi, scaricate qui il cartellone. 

Nel sito dell'Anaci Piemonte e Valle D'Aosta si trova una trattazione più completa e più autorevole a cura dell'Avv. Edoardo Riccio.

Che vantaggi da la contabilizzazione individuale dei consumi

La contabilizzazione consente di responsabilizzare l’utente e remunerare i suoi comportamenti virtuosi (e punire quelli trasandati). Se non vi è un sistema di contabilizzazione dei consumi, nessuno è incoraggiato a fare attenzione alla temperatura ambiente, ad impostare correttamente la termoregolazione, ad eseguire opere di coibentazione e miglioramento dell’involucro edilizio nel suo alloggio, a spegnere i radiatori nelle stanze che non usa e così via fino ad aprire le finestre quando fa troppo caldo in casa (la cosiddetta regolazione “a spreco variabile”).

In presenza di contabilizzazione individuale dei consumi, un impianto centralizzato ha le stesse caratteristiche di una serie di impianti autonomi.

Quali sono i rischi della contabilizzazione individuale dei consumi

La contabilizzazione comporta alcuni aspetti che bisogna conoscere.

In primo luogo evidenzia un fatto troppo spesso passato sotto silenzio: il consumo energetico delle unità immobiliari degli ultimi e dei primi piani sono molto più elevati di quelli degli altri. Molto frequentemente sono più del doppio.

La diversità intrinseca dovuta al fatto di avere non solo le pareti perimetrali ma anche un soffitto o un pavimento disperdente è esaltato dalla scarsissima coibentazione degli edifici italiani.

A nulla vale l’osservazione che “prima si pagava tutti uguale” per “solidarietà”. Il codice civile prevede che ciascuno paghi in ragione dell’uso che fa di un impianto comune ed agli alloggi degli ultimi piani l’impianto fornisce indubitabilmente più calore.

In secondo luogo l’impianto deve essere correttamente realizzato in modo che le apparecchiature installate, anche se non misurano direttamente il calore erogato dai corpi scaldanti, rispettino almeno il criterio fondamentale di proporzionalità. Devono cioè fornire un’indicazione che sia proporzionale al calore erogato indipendentemente da:

  • tipologia di corpo scaldante (radiatori di tipo diverso, ventilconvettori, termoconvettori, …)
  • modalità di prelievo del calore (continuo, intermittente, …)

Queste caratteristiche non sono possedute da tutti i sistemi di contabilizzazione in uso (ad esempio dai semplici contaore) e possono essere inficiate da errori di installazione o di conteggio (ad esempio, ripartitori montati ad altezze scorrette, potenze di radiatori non correttamente determinate, …).

Alcuni sistemi poi vengono gestiti senza che l’utente possa avere una sensazione chiara di cosa stia accadendo. In alcuni sistemi di contabilizzazione, i singoli ripartitori vengono installati senza memorizzare la potenza del radiatore. Le indicazioni sul display hanno quindi un significato diverso per i vari radiatori in un alloggio e l’utente ha delle difficoltà a capire quali sono i suoi consumi. Siccome la contabilizzazione determina dei prelievo in denaro dall’utente, il sistema installato deve essere il più possibile chiaro e comprensibile anche nei dettagli per prevenire possibili contenziosi.

Le procedure degli operatori esperti contengono prescrizioni aggiuntive mirate ad eliminare o almeno minimizzare questi aspetti negativi citati. 

Cosa vuol dire progettare un impianto di contabilizzazione individuale dei consumi

Ogni impianto di contabilizzazione deve essere progettato da un tecnico abilitato. Lo dice piuttosto chiaramente la legge 10/91.

A parte ciò, lo dice anche il buon senso che prima di eseguire un impianto complesso si debba pensare a come fare. Progettare vuol dire pensare prima di fare. Chiunque realizzi un impianto di contabilizzazione (più correttamente, chiunque realizza in qualsiasi impianto) di fatto lo ha anche progettato.Cosa deve contenere un progetto di impianto di contabilizzazione per essere completo?

  • Certamente ci dovrà essere l‘elenco delle apparecchiature di contabilizzazione
  • Nel caso di applicazione di ripartitori, l’elenco dei corpi scaldanti e delle relative potenze nominali, specificando se riferite ad una temperatura media del radiatore di 70°C (rif. EN 442) o di 80 °C (rif. UNI 10200 ed EN 834).
  • La soluzione dei casi particolari, come corpi scaldanti di tipo diverso, ecc.
  • L’indicazione del criterio di ripartizione secondo le regole della norma UNI 10200, in applicazione del Dlgs 102/14 e del codice civile.
  • La determinazione dei millesimi di riscaldamento e di acqua calda sanitaria, in conformità alla norma UNI 10200
  • L'indicazione della modalità di determinazione ogni anno dell'energia utile prodotta e del suo costo specifico.
  • La determinazione o l’indicazione delle modalità di misura della quota di consumo da imputare a millesimi.
  • Il calcolo della ripartizione presunta se tutti utilizzano l’impianto in maniera convenzionale, in modo che i condomini siano consapevoli da subito dei cambiamenti che potrebbe generare l’introduzione della contabilizzazione individuale dei consumi.

 Come deve essere gestito un impianto di contabilizzazione individuale dei consumi

Un impianto di contabilizzazione non vuol dire solo che arriva il conto a fine anno…

L’impianto di contabilizzazione deve permettere all’utente di rendersi conto di quanto sta spendendo prima che arrivi il conteggio finale della stagione di riscaldamento. Affinchè l’utente possa utilizzare l’impianto di contabilizzazione per migliorare le proprie abitudini deve essere in grado di valutare autonomamente i propri consumi. E’ quindi necessario che i ripartitori montati sui singoli corpi saldanti siano parametrizzati, cioè che all’atto dell’installazione sia stato inserito il parametro corrispondente alla potenza del radiatore (parametro Kq) ed al grado di accoppiamento fra radiatore e ripartitore (parametro Kc), altrimenti non è possibile sommare le indicazioni degli apparecchi installati sui singoli radiatori.

In ogni caso, è bene richiedere al fornitore del servizio di contabilizzazione un conteggio a metà stagione di riscaldamento, almeno per il primo anno. Meglio ancora quando i conteggi sono accessibili in temo reale via internet.

Un’altra cosa importante è la tracciabilità dei costi. Nella documentazione che vi viene fornita a fine anno, ci deve essere la chiara indicazione di come si sia passati dalle letture sugli apparecchi (ACCESSIBILI ANCHE ALL’UTENTE) agli importi riportati sui conteggi. E’ possibile anche che vengano fornite due copie, una semplificata per l’utente ed una completa consultabile presso l’amministratore.  

Come si deve fare la ripartizione dei costi

La ripartizione dei costi dei servizi riscaldamento, acqua calda sanitaria e raffrescamento in condominio è regolata innanzitutto dal Dlgs 102/14, che fa esplicito riferimento alla norma tecnica UNI 10200. 

La norma UNI 10200 suddivide le spese in due grandi categorie:

  • il prelievo di calore “volontario”
  • tutte le altre spese, la cosiddetta "quota fissa", che comprende le dispersioni della rete di distribuzione, le spese per la conduzione, l'esercizio e la manutenzione ordinaria.

Il prelievo di calore volontario corrisponde al calore che esce dai corpi scaldanti e viene prelevato dall’utente in conseguenza delle sue azioni sul sistema di regolazione (valvole termostatiche o termostato ambiente).

La rimanente parte del calore immesso in casa è costituito dalle dispersioni delle reti di distribuzione del riscaldamento e dell’acqua calda sanitaria, che sono indipendenti dalle azioni del singolo utente e quindi vengono ripartite a “millesimi di riscaldamento”.

Il calore prodotto ha a sua volta un costo che dipende dal costo del combustibile ma anche dal tipo di sistema di generazione. Non è solo questione di rendimento della caldaia ma anche di eventuale utilizzo di fonti rinnovabili (solare termico) nel caso comune della produzione di acqua calda sanitaria con pannelli solari termici.

Secondo la norma UNI 10200 vigente

  • i millesimi di riscaldamento vengono calcolati in proporzione a:
    • Fabbisogno di energia utile dell'alloggio in caso di impianti dotati di sistemi di termoregolazione
      (occorre un calcolo identico alla prima parte di quello di certificazione energetica)
    • potenze dei corpi scaldanti presenti nell'alloggio, nel caso di impianti privi di sistemi di termoregolazione
  • i millesimi di acqua calda sanitaria vengono calcolati in proporzione ai fabbisogni UNI-TS 11300-2 (sono una funzione crescente della superficie utile dell'alloggio).

Tutte le informazioni necessarie per la corretta esecuzione della ripartizione dei costi di riscaldamento e produzione di acqua calda sanitaria si devono trovare nel progetto dell’impianto di contabilizzazione. Dovremo quindi trovare nel progetto:

  • la valutazione del rendimento del sistema di generazione, per poter determinare il costo di produzione del calore
  • il metodo per determinare il costo di produzione del calore nel caso di impianti con più generatori
  • la determinazione dei “millesimi di riscaldamento” e dei “millesimi di acqua calda sanitaria”
  • il criterio più idoneo da adottare per determinare le quote di energia volontarie ed involontarie in base alla tipologia di edificio, di impianto e del suo utilizzo.

Se questi elementi non sono presenti nel progetto, questo è da ritenersi incompleto.

E' opportuno poi trovarvi un'ipotesi di ripartizione previsionale dei costi in caso di uso standard dell'edificio da parte di tutti i condomini. 

Come si riconosce un buon servizio di contabilizzazione

Un buon servizio di contabilizzazione ha le seguenti caratteristiche:

  • I criteri di ripartizione sono noti e documentati ai committenti: ognuno sa qual è la propria quota di millesimi di riscaldamento ed acqua calda sanitaria
  • I calcoli che portano alla ripartizione finale sono chiari e riportano i valori che l’utente può leggere sul suo ripartitore o contatore di calore
  • Per gli impianti con contabilizzazione indiretta, esiste una lista ufficiale di tutti i corpi scaldanti con dimensioni, potenza attribuita e coefficiente di accoppiamento del ripartitore, in modo che possa essere controllata in ogni momento
  • L’utente ha ricevuto istruzioni per poter valutare il proprio consumo in base alle letture degli strumenti locali.
  • L’amministratore è in possesso delle istruzioni per l’uso dell’impianto e di tutte le password e configurazioni necessarie per il suo funzionamento. Il condominio deve essere in grado, in caso di necessità, di cambiare fornitore del servizio di ripartizione.

Ultimo aggiornamento: 10/07/2015

Cerca

Accesso utenti registrati

I soci ANTA possono richiedere la password per l'accesso ai contenuti riservati inviando una mail all'indirizzo antap.presidente@iol.it

Newsletter

Fulmicotone


Ci dicono che l'inquinamento è aumentato. Nel frattempo è aumentata la speranza di vita. L'inquinamento allunga la vita?! ... o sono gli anziani che inquinano?!



Ogni autore di una legge e/o di una norma dovrebbe essere condannato ad applicarla almeno una volta di persona prima di avere il diritto di pubblicarla.



Volete rovinare un prodotto o un servizio? Rendetelo obbligatorio...



La vera formazione non sono 8, 16 o 40 ore di corso: sono 3000 e passa ore di lavoro all'anno col cervello inserito. 



Per fare l'amministratore: 16 ore/anno. Per fare l'ingegnere: 30 ore/anno. Per scrivere le leggi dello Stato Italiano? E per governare gli Italiani?



Ci dicono che vogliono fare "nuove leggi di semplificazione": è un ossimoro. Per semplificare bisogna dotare chi scrive le leggi di una speciale tastiera con tre soli tasti: CANC, DEL e BACKSPACE



Un tecnico trasforma ogni problema in una soluzione. Fico

Un politico trasforma ogni soluzione in un problema.


Un metodo dinamico non può essere utilizzato da un inesperto. Un esperto sa già la soluzione. Chi userà i metodi dinamici?



La validità di una tecnologia è inversamente proporzionale alla quantità di obblighi di legge e di incentivi necessari alla sua implementazione...



Si va dicendo che le pompe di calore utilizzano energie rinnovabili. Ma allora anche il mio frigorifero ed il mio condizionatore lo fanno?



Molti si vantano di avere installato pannelli fotovoltaici. Hanno solo affittato, guadagnandoci, una parte del tetto. I pannelli li hanno pagati tutti gli altri con la bolletta.



L'uso delle fonti rinnovabili non è un obbiettivo nè un bene in se ma un mezzo come un altro per ridurre il consumo di risorse non rinnovabili



La validità di un prodotto è inversamente proporzionale all'insistenza ed alla fretta con la quale te lo propongono... 



Il petrolio? E' un prodotto biologico...



Confrontare i consumi calcolati con i consumi reali? Si chiama "metodo scientifico" bellezza!



L'unico modo sicuro per non invecchiare? Morire giovani...


ANTA

Viale Umbria 36 - 20135 MILANO Tel/Fax (02)5450051 E-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.